La valutazione dei rischi di incendio è redatta ai sensi del D.M. 10.03.98 Allegato 1.

A valle dell’analisi preliminare dei pericoli, che prende in considerazione per ciascuna area e reparto lavorativo, la posizione in azienda e rispetto alle altre aree di lavoro e le caratteristiche dei luoghi; la tipologia e l’entità delle fonti di innesco; la consistenza numerica delle persone coinvolte, nonché la possibile presenza di persone non informate delle misure di gestione dell’emergenza ed eventuali disabili, viene effettuata la valutazione dei rischi riferita a ciascuna area e reparto lavorativo.

Questa permette di classificare l’intera azienda in base al rischio di incendio e verificare l’adeguatezza dei luoghi di lavoro alla normativa e da tale classificazione deriveranno, tra gli altro gli specifici obblighi del datore di lavoro per quanto concerne le modalità di addestramento antincendio della propria squadra di emergenza.

Il processo si conclude con l’analisi di tollerabilità, la gestione dei rischi residui e l’individuazione delle azioni di miglioramento, che trovano esplicitazione del documento di valutazione dei rischi redatto ai sensi del D.M. 10.03.98 Allegato 1.

La valutazione dei rischi di incendio e le conseguenti misure di prevenzione e protezione costituiscono parte specifica del documento di cui all’art. 28 del D.Lgs. 81/08.