Le misure in materia di salute e ambiente sono previste dal Decreto Rilancio.

Il Decreto-Legge 19 maggio 2020 n. 34, contenente misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, prevede l’adozione di specifiche misure relative alla salute dei lavoratori e all’ambiente.

Di seguito gli articoli attinenti:

  • Art. 66 “Modifiche all’articolo 16 in materia di dispositivi di protezione individuale”
    Nell’articolo sono riportate alcune modifiche all’art. 16 del DL 17 marzo 2020 – convertito in Legge n. 27/20 – relativo ai DPI: estensione a tutte le categorie di lavoratori e volontari, sanitari e non, e agli addetti ai servizi domestici e familiari; proroga della data di attuazione delle misure;
  • Art. 74 “Modifiche all’articolo 26 del DL 17 maggio 2020 in materia di tutela del periodo di sorveglianza attiva dei lavoratori del settore privato”
    Le modifiche riguardano le modalità di riconoscimento della malattia, le procedure relative ai lavoratori con disabilità e “fragili”, la proroga al 31 luglio della procedura di riconoscimento della malattia COVID-19, l’aumento a 380 milioni del limite di spesa a carico dello stato per questa misura;
  • Art. 83 “Sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori maggiormente esposti a rischio di contagio”
    L’articolo ribadisce la necessità di applicare una sorveglianza sanitaria eccezionale per i lavoratori “fragili”. Tali lavoratori possono risultare maggiormente esposti in ragione dell’età o condizione di rischio derivante da immunodepressione, o anche a seguito di patologia COVID-19 che abbia ad esempio determinato una minore capacità respiratoria – almeno temporanea – nel soggetto, o connessi ad esiti patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o comunque da co-morbilità che possono caratterizzare una maggiore rischiosità.
  • Art. 95 “Misure di sostegno alle imprese per la riduzione del rischio da contagio nei luoghi di lavoro”
    L’articolo elenca la tipologia di apparecchiature e attrezzature (quali DPI, apparecchiature e attrezzature distanziamento, sanificazione etc.) per le quali il Governo mette a disposizione delle imprese specifiche misure di sostegno.

Inoltre lo stesso Decreto all’art. 228 “Misure urgenti in materia di valutazione di impatto ambientale” specifica che, alla luce dell’emergenza sanitaria in atto, è modificato l’art. 8 del D.Lgs. 152/06, relativamente alle attività istruttorie della Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale – VIA e VAS.


software valutazione rischio covidAR-COVID è il nuovo software che verifica la compliance ai protocolli del DPCM 11 giugno; integra la metodologia INAIL e valuta il rischio di contagio mansionale per ambiente di lavoro; genera un documento strutturato con le azioni di miglioramento, che può diventare appendice del DVR. Promo fino al 31 luglio. Scarica la DEMO